Stanze in giardino 2: zona conviviale - by Delia

Pensa che ti ripensa, il fatto che volessi una zona vicino alla casa dove poter mettere un tavolo e stare a pranzare con amici e parenti, oppure semplicemente fare bricolage o quant’altro, ha generato questa ideuzza.
Su uno dei due lati della casa, a fianco alla scala che porta all’altro livello del giardino, c’era una piccola zona semi pianeggiante, già un po’ livellata in precedenza, ma che non aveva un senso, era come una zona di passaggio.
Complice mio marito (come sempre!), abbiamo ottenuto questo risultato, con materiali già a disposizione:
Area prima del lifting, triste e inutile

Poi, comincia la trasformazione
5

Ancora spontanee d’effetto!! - by Tyziana


Permettetemi  di continuare con la sorprendente gamma di spontanee primaverili qui in Sardegna.
Oggi, durante il  viaggio rientro dal week end passato a Sassari, a circa 230 km da Cagliari,
altra brusca frenata!!!  green_eyebrows
Abbiamo deciso di fare una piccola sosta per ammirare una strepitosa  fioritura di un’altra  incredibile spontanea, che ci aveva sorpreso al viaggio d’andata e ci siamo ripromessi di ammirarla da vicino con più calma nel viaggio di ritorno, convinti che fosse la  “Salvia verbenaca”,  altro interessante esemplare spontaneo che avevamo già avuto modo di incontrare durante una gita.


Si trattava, invece,  di una leguminosa, che cresce ovunque sui lati della strada che collega le due città, creando macchie immense di color viola ovunque



 e che,  insieme alla carota selvatica, la scabiosa rosa, l’artemisia, la santolina, borragine, la “ferula”,  i cardi selvatici, costituisce quel magnifico giardino che ci avvolge in primavera qui in Sardegna.

9

Dieci minuti di…….pausa!! - by Tyziana

DSCN2693
So già che mi prenderete per pazza, se vi racconto cosa ho combinato oggi......  green_eyebrows
Già da  un pò di tempo mi frullava l'idea in testa, ogni giorno viaggio in macchina per andare al lavoro, e la strada che mi porta in città passa anche attraversano la campagna, che in questo periodo è un tripudio di  fioriture di erbacee  spontanee e selvatiche, con paesaggi incantevoli e interessanti, da cui prendere ispirazione per copiare accostamenti di piante e colori.
Ho desiderato e rimpianto tante volte di non avere sempre con me la macchina fotografica, ma oggi, sono stata fortunata. L'avevo con me perchè uscendo da casa me l'ho acchiappata al volo per fare alcuni scatti in giardino e catturare il momento importante della fioritura delle mie nuove giovani rose:

 la carinissima Buff beauty”
DSCN2667 la  Crocus Rose”
DSCN2666“Francesca”, fanno parte di una serie di talee, graditissimo regalo di un caro amico
DSCN2671 Quindi, non c'è stato il tempo di riportarla indietro e l'ho messa in auto. Per fortuna perchè così ho potuto catturare alcuni scatti che da tempo volevo fare.
La Sardegna, come ho già mostrato in altri post precedenti, è ricchissima di spontanee, che attirano e catturano sempre il mio sguardo, durante i miei spostamenti in auto, facendomi fare, come è successo oggi, anche soste non programmate, che quasi mi faceva far tardi al lavoro.
Dopo la pausa pranzo, prendo la strada per l'ufficio, ma, subito rimango incantata dalla visione di una infinita distesa di dorate graminacee e dai pizzi delle  infiorescenze ombrellifere della carota selvatica, che adoro green_rolleyes



e poi scabiose rosa, bocche di leone fucsia  e tante  altre specie, una distesa infinita in un quadro incantevole e suggestivo.

Mi fermo, perciò, con l'auto di lato della strada e scendo a scattare un pò di foto ( mentre di fianco a me il traffico scorreva veloce!!! ) da mostrare qui sul blog per condividere con gli amici questo emozionante , anche se breve, momento di pausa!!



Che dite? Ne è valsa la pena?
Come dice un'amica: la Sardegna è come un immenso giardino che ci circonda.
11

Clair Matin, mon amour! - by Delia


Allora, parto dal fatto che gli ibridi di moschata sono in assoluto le mie rose preferite, per la loro generosità delle fioriture, la rifiorenza e la crescita morbida che dà loro un aspetto romanticissimo.
Io possiedo Buff Beauty, che però ho messo in una posizione infelice, troppo ombrosa, e non dà il meglio di se', però so che è bellissima. Ne ho visto due esemplari enormi proprio di recente, ed erano spettacolari!!!
Cornelia ha sofferto di un trasferimento effettuato in un momento sbagliato, e si ammala spesso, ma una sua talea, posta in un'altra zona, comincia a dare dei buoni risultati.
Ho un'altra rosa, che non è un ibrido di moschata, anche se fino a poco tempo fa credevo lo fosse (l'ho sempre chiamata Penelope!), e cioè Clair Matin, ed è quella che mi emoziona di più tra le rose a fiore piccolo, è, come dire....abbondante, delicata, sana e stupenda!!!!
Ha quattro anni, se non fosse che la poto maldestramente ogni anno magari sarebbe anche più bella, ma già così....
L'anno scorso ho provato ad effettuare su di lei la tecnica del pegging down, cioè la messa in orizzontale dei suoi lunghi e flessuosi rami, e la fioritura è triplicata!
Quest'anno ho dovuto inserire un palo di legno, per adesso su un lato, ma alla fine credo che ne metterò uno anche sull'altro lato, per poterla sorreggere meglio, vista che cresce molto in fretta e tende a ricadere troppo in avanti. L'accompagna una Spiraea Anthony Waterer, che secondo me accentua la delicatezza del suo colore. Inoltre, la panchina color lavanda ti invita ad immergerti dentro di essa (forse un po' troppo, eheheh!!! Devo proprio sollevarla...).
Ed ecco a voi......Clair Matin!!!!





8

La bordura delle Lavande – by Josie

(ovvero Josie intuisce vagamente che l’autunno prossimo ordinerà allium a vagonate..)
Quando sono arrivata in giardino, una delle poche parti curate era questa sistemata con lavande e rosmarini. A causa del terreno argilloso, vi cresceva poco altro. Ma potevo forse deporre le armi prima di lottare? Ecco come si presentava la sfida..
IMGP6130 All’inizio ho inserito delle rose che, nonostante la terra dura non consenta loro di allargare bene le radici, ogni anno ricompensano lo sforzo fatto per dargli una buca a suon di picconate. Eccole, iniziano in questi giorni la loro profumata fioritura
 

7

Il Giardino dell’Iris a Firenze – by Josie

(ovvero Josie sogna ad occhi aperti di avere un giorno una collezione di iris barbate simile a quella di Firenze…)
Come già anticipato dalla capa Ti, siamo andati di recente a fare una visita al Giardino dell’Iris di Firenze. Per chi volesse andarci, ci si arriva da Piazzale Michelangelo (linea 12 o linea 13 del bus). Già solo un’occhiata da Piazzale Michelangelo merita il viaggio in bus (ma li allenano a Maranello gli autisti di Firenze??): la splendida Firenze si distende dinanzi ai vostri occhi!
DSCN2500 Ma gli occhi del giardiniere in trasferta, si fanno presto distrarre da ben altri soggetti…in attesa dell’apertura pomeridiana del Giardino, iniziamo impazienti a buttare giù uno sguardo verso i campi di iris in fiore…
4

Progettista per istinto - by Tyziana



  Prima……..                                                                                                                                            


..... e dopo!!
Finalmente posso mostrarvi le prime immagini  della bordura di nuova impostazione.
Come avevo già accennato in un post precedente, sulla storia del mio Echium fastuosum, sapevo che quest’anno sarebbe giunto alla fine del suo percorso e l’anno scorso ho deciso che i circa 25/30 metri quadri occupati fino a quel momento dalla sua strepitosa fioritura
290309 002 
Luci ed ombre nel mio giardino 071 l’avrei trasformata in una ricca bordura all’inglese, con abbondanti fioriture di rose, arbusti ed erbacee perenni, annuali e graminacee, che avrebbero caratterizzato quella zona di giardino, che, ai miei occhi e nel mio immaginario, ben si prestava a questo ambizioso progetto.

Distinto in due zone: una impostata più su specie tropicalizzanti, perchè più esposta ai raggi cocenti estivi, è stata impostata dapprima con le iris variegate, messe in primo piano sul sentiero
5

Gli iris di Bianco - by Tyziana

DSCN1908

DSCN1879


DSCN1939

DSCN1845
L’ultimo week end è stato piuttosto movimentato ed impegnativo.

Ebbene sì, abbiamo trascurato un pò il blog……ma solo perchè stavamo raccogliendo materiale per i prossimi post!!
Ci siamo trasferite per alcuni giorni in  Toscana,  dove abbiamo fatto un mini raduno con alcuni degli amici del blog,  e in quell’occasione abbiamo visitato il Giardino degli Iris di Firenze, di cui ho inserito in apertura alcune immagini. Il tempo è stato piuttosto inclemente per tutto il fine settimana, ma il venerdì pomeriggio un pallido sole ci ha permesso di visitare il giardino in tutta tranquillità.
Lascio però il compito di fare un reportage più dettagliato all’amica Josie,  che, sono sicura, ha  scattato bellissime foto più dettagliate e suggestive.
Le fioriture degli iris erano purtroppo un pò sottotono, proprio a causa dell’inverno piuttosto rigido e con poco sole, che non ha permesso alle piante di dare il meglio di sè. Ogni anno si svolge un concorso fra i migliori ibridatori di questa pianta, molto abili nel creare nuovi colori e forme ai fiori.
Mentre gli altri amici giravano per i giardini, scattando foto e appuntando i nomi dei cartellini per promemoria, io mi fermavo a scambiare due chiacchiere con gli organizzatori della concorso, ( ubriacandoli con il mio  entusiasmo mentre parlavo delle fioriture degli iris nel mio giardino green_rolleyes  )   ho avuto il piacere di conoscere di persona proprio il vivaista da cui abbiamo acquistato i rizomi in autunno,  Augusto Bianco.
Coinvolto dalla mia loquacità, ha voluto conoscere le mie scelte per il giardino. 
Mai lo avesse fatto!!!! ihihihihih!!
12

Dettagli che arredano - by Tyziana

DSCN0367
L’altro pomeriggio, durante una delle tante conversazioni di gruppo con le amiche del blog,  facevo la considerazione della diversità di concezione di giardino che ha ognuno di noi. Tranquilli, non farò discorsi filosofici!! Ma vorrei condividere con voi questo argomento.
Come interpretiamo il giardino?  green_rolleyes
Vuoi per questione di gusti, vuoi per questione di spazi e di esigenze climatiche, ognuno di noi concepisce il giardino a modo suo e secondo me questo nostro blog, che condividiamo ormai da ben sei mesi,  è un buon mezzo per mostrare le diverse caratteristiche di ogni nostra creatura.

Per fare degli esempi, la cara amica Josie, ha un giardino-bosco, con ampi spazi dove si fondono paesaggi incantati con bellissime specie spontanee e tipiche dei boschi toscani, con i roseti e le bordure di sapore romantico da lei  impostate con sapiente creatività.
10

Iris, iris delle mie brame… – by Josie

(ovvero Josie inizia la carrellata di iris..prima che i ricci arrivino col pullman comitiva..)
Ah…finalmente..dopo tanta attesa..iniziano a fiorire i miei prediletti…Iris!
I primi ad aprire le danze, sono i più semplici e rustici, gli iris pallida
Seguiti a distanza di qualche giorno da due iris che presi nel 2006 e che si degnano di fiorire solo ora (e te credo..prima erano in mezzombra…)
 
In allegre macchie, iris portatimi dalla mamma e dal papà dal giardino di casa..quelli bianchi sono profumatissimi!
7

INTERVALLO

video
3

Rose di Austin & co.

Alcune nuove fioriture :-)


Jude the obscure...il profumo è così forte che si sente da lontano, aspetto la totale schiusa *__*

Pat austin...profumata pure lei, ma ha il difetto di durare poco e di aver eun portamento ricadente.

Tradescant....ovviamente pure lei è profumatissima ed è la mia preferita!

ragno su attico con vista.
7
Back to Top