Il risveglio della natura - by Daniela

599043_434000473359386_1027953383_n

Con il disciogliersi della neve che fino a pochi giorni fa torreggiava sui colli che fanno da ghirlanda alla nostra valle, tutta la campagna è solcata da impetuosi corsi d'acqua, che, incessantemente, notte e giorno, innalzano al cielo la propria melodia, fatta di poche note cadenzate, quasi tutte uguali, come un inno alla vita che ogni anno, in primavera, si rinnova... sembrano quasi desiderosi di annunciare che anche quest'anno i declivi che si sono scavati nel tempo fanno da culla delle prime timide corolle che si stanno schiudendo.

Pensando di accompagnarvi in un percorso che si sarebbe snodato tra le immagini della nostra primavera, che, giorno per giorno, sta lentamente colorandosi, mi è tornata alla mente una poesia di Gale, Norman Rowland Gale (1862 – 1942), che ho sempre letto come un affresco del momento più bello della nuova stagione, quello in cui inizia, quello del risveglio della natura dopo il lungo e torposo sonno invernale, un affresco molto semplice, ma gioioso, vivo, reale …

… la voglio rileggere con voi e sono certa che vi comunicherà l'allegria che trasmette a me ogni qualvolta ripercorro con lo sguardo i suoi versi:

“Cosa sussurra il tempo di Primavera ?

O voi ruscelli,

ruscello

Che vi svegliate dal vostro così triste sonno
Felici di salutare il ragazzo che pesca
Con le sue piccole reti
Affrettatevi, che l'estate è nell'aria,
Mormorate, che la brezza è tiepida,

stagno

Chiacchierate vicino alla tana della lontra,
Gorgogliate oltre la fattoria d'edera;
Svegliate la primula sugli argini,

primule

Ordinate alla viola di aprire gli occhi,

viole 1

viole 2

viole 3

Correte in un torrente di ringraziamenti
Sotto cieli più sereni !
Che festa sta arrivando
Che fate raduna sui prati
A fare magie sotto la luna
Coronate con anemoni di bosco!

epatica1epatica 2 (1)

Che cuore tormentato il tordo
Culla nel cespuglio del prugnolo,
Con tante splendide canzoni da cantare,
Allegri benvenuti di Primavera -
E' arrivata la Primavera!”

Trovo che sia dolcissima, mi sembra quasi una filastrocca, una di quelle poesiole che per prime ci hanno insegnato da bambini.. ma, dopotutto, ci avete mai pensato, non è forse meraviglia fanciullesca quella con cui, nei nostri boschi e nei nostri giardini, scopriamo i primi boccioli farsi spazio tra le foglie secche del trascorso inverno, e poi non lo è forse l'attesa delle prime corolle, dei germogli sugli alberi, e poi dei frutti, … non è forse vero che se ci lasciamo prendere per mano dalla Primavera ci trasporta un po' indietro nel tempo .. ?

E allora abbandoniamoci alla freschezza e al gaudio della nuova stagione e godiamo di questo nuovo anno di colori, di dolci note, di profumi e di fiori …
Felice Primavera a tutti voi <3

 

Daniela

4

Cristalli a Firenze – by Josie

La pioggia induce alla visita museale, lo sanno anche i ramarri!
Così eccomi a girello per Firenze, ho puntato una mostra particolare al Museo della Specola.
Prima di arrivarci, perchè non fare una passeggiata tra Ponte Vecchio e Palazzo Pitti?
Il flusso di turisti non perdona, bisogna spicciarsi a scattar le foto, prima di venire spiaccicati a terra nel corridoio Vasariano! (“guarda quant’è realistico quel dipinto a terra, bravi sti madonnari!!” … “ahem.. no… era una lenta a far le foto…”)
DSCN1604
5

Favignana: Cala Rossa–by Josie

In questo inizio di primavera troppo piovoso, voglio mettervi un po’ di voglia di estate con un altro post marinaro!
Oggi vi porto a Favignana, nelle Isole Egadi, nella bellissima Cala Rossa.
favignana 147

4

Intervallo–primavera al villaggio - by tyziana


Firma post
1

Un soffio di primavera - by tyziana

DSCN9608
Prima di parlarvi degli acquisti fatti a Milis, vi lascio un attimo in  stand by, per parlarvi del primo soffio di primavera qui al villaggio.
DSCN9682
Non ci potevo credere nemmeno io, dopo giorni e giorni di pioggia intensa e vento gelido, abbiamo  avuto il primo week end  di tregua dal maltempo. 
Subito,  appena sbucato il sole da dietro le nuvole,  arriva il primo tepore primaverile, che ci ha addirittura consentito di fare il  pranzo domenicale all’aperto!
Finalmente fioriscono anche i miei  ibridi di ellebori , che ho aspettato tanto
DSCN9687
DSCN9503-002
uno dei primi segni che la natura si risveglia è la fioritura dei narcisi, i miei preferiti sono i ‘W.P.Milner’
DSCN9702
e dei piccoli  muscari,  i primi a fiorire sono gli adorabili ‘Valerie Finnis’
DSCN9533
le pratoline  sbocciano  insieme alle violette profumatissime
DSCN9545
DSCN9693
DSCN9695
I lavori in giardino non finiscono mai e con la bella stagione   si hanno soddisfazioni anche solo dal primo taglio del prato  che rende il giardino più ordinato  ^^
DSCN9712
DSCN9723
c’è grande attesa, soprattutto per la prossima fioritura del  Geranium ‘Maderense’
DSCN9691
Ma in questo periodo la protagonista in giardino è la Clematis ‘Armandii’,  con i suoi fiori  profumati  e generosi   sotto la mia finestra……. è davvero magnifica *-*
DSCN9389
DSCN9609
DSCN9508
DSCN9510-001DSCN9368-001
Per darvi un’idea della sua  sublime bellezza,  ho girato un piccolo video col quale vi auguro un buon inizio settimana, spero sia di buon auspicio e che le prossime siano giornate all’insegna del bel tempo  Winking smile

Firma post
4

Dal pot ghetto: le rose - by Delia


L'inverno è una stagione un po' noiosa dal punto di vista giardinicolo, ci sono solo i lavori di potatura e di pulizia continua delle aiuole dalle erbe infestanti. Ma.. diventa vivace grazie ai vari scambi di semi e di piante (per i semi vedi il Seeds of Love), per me in particolare di scambi di talee di rose.
9

Come una grande festa!! - 1° Parte – by tyziana

testata
Ed è stata proprio così, una grande festa!
Ora vi racconto, vi sento impazienti di leggere!  ^^

Si è svolta anche quest’anno a Milis  la manifestazione ‘Primavera in Giardino’, giunta alla 13° edizione.  Un evento che  tutte noi  aspettiamo sempre con impazienza, sia perchè coincide con il risveglio dal letargo invernale ed è di buon auspicio  per l’inizio della bella stagione, sia per l’incontro con i tanti vivaisti, ( molti di loro già conosciuti nelle passate edizioni ),   giunti da ogni parte d’Italia.
5

Scivu e il Sulcis–by Josie

Scendendo dal Sinis verso il sud della Sardegna, volevo fermarmi una mezza giornata nella spiaggia di Piscinas, da tutti decantata per le sue enormi dune bianche e l’acqua cristallina.
Non avevo fatto i conti con le strade del Sulcis. Volendo dar retta al navigatore, avrei dovuto svoltare in un tratturo ripido e zeppo di massi puntuti.. io e quel marchingegno infernale siamo spesso in disaccordo, ma siccome guido io, me ne sono infischiata della sua vocetta petulante e facendo grandi pernacchie al tratturo per cingolati in cui ero certa di bucare le gomme in tre secondi netti, ho proseguito fiduciosa di trovare un altro punto di svolta.
Come no.
La strada si srotola in una natura incontaminata, macchia mediterranea e boschi a perdita d’occhio, talmente incontaminata che non vi sono manco i cartelli stradali.
Il dispettoso navigatore, per ripicca, ha fatto pure sparire la strada e mi indica come un pallino che avanza nel verde più sperduto, limitandosi a ripetere in modo minaccioso “fate inversione a U!”.. già, come se fosse facile! La strada è sufficiente sì e no per passare con la 500 presa a noleggio, da un lato una parete rocciosa rivestita di cisti, dall’altro lo strapiombo. Avanzo ripetendo come un mantra “da qualche parte porterà questa stradina…”
e infatti.. mi ha portato a Scivu.
Sinis e sud 249

3

Marettimo: la Montagna nel Mare– by Josie

Di buon mattino raggiungo il porto di Favignana per prendere l’aliscafo per Marettimo, tutti mi hanno consigliato di andarci, la piccola isola è imperdibile.
Da Favignana si scorge in lontananza ma, man mano che ci si avvicina, ci si rende conto dell’incanto: Marettimo è una montagna caduta a piombo nel mare.
Per ammirarla salgo su una delle tante barche che offrono il giro dell’isola e la visita delle sue splendide grotte marine. Marettimo è esplorabile anche a piedi, via terra, ma il percorso impervio e gli escursionisti che scorgo a zompettare agili come mufloni, mi dissuadono subito dall’intraprendere l’impresa. Perchè distogliere forze all’ammirazione, quando si può scivolare tranquillamente in barca? (lo “scivolare” e il “tranquillamente” me li rimangerò poi ampiamente mentre si facevano i cavalloni sul barchino, una roba da trovarsi il fegato in un orecchio e la milza nelle caviglie… al vento non si comanda!).
Si comincia quindi! La prima grotta in cui entriamo con la barca ha un’apertura alla sommità, l’acqua è azzurrissima ma la mia macchinetta fotografica è un catorcio e non riesce a catturare i colori reali con la scarsa luce delle grotte. Imponente, in lontananza, si vede il Forte Spagnolo, quando ci si passa sotto sembra che scaturisca direttamente dalle rocce.
favignana 574 favignana 587
5

Clematis - by Delia

Clematis Pagoda, foto dal web
Si avvicina la data della manifestazione giardinicola di Milis, Primavera in Giardino 2013 in Sardegna, e come al solito si preparano le liste delle piante da ordinare ai vari vivaisti. Quest'anno Italo e Leo del vivaio I Campi hanno ampliato e modificato la cerchia dei venditori, così facendo hanno fatto in modo che potessero essere presenti quasi tutte i tipi di piante, come le ortensie, i pelargoni, gli alberi da frutto, le rose, le hemerocallis, le salvie, lavande e rosmarini, ellebori, rarità varie, garofani e clematis.
Ed è appunto di queste ultime che vorrei parlare adesso. Possiedo già delle clematis: da qualche anno sto provandole nel mio giardino. Le prime clematis mi sono arrivate da Ebay inglese tre anni fa: la Black Prince, Piilu, Semu, Vyvian Pennell, Denny's Double e la Saphyra Indigo.
11
Back to Top