sabato 30 maggio 2015

Rose come se piovesse!!! - 3° parte - by tyziana

Terza parte, a grande richiesta, e di questo ringrazio le amiche e gli amici di Facebook a cui ho sottoposto il sondaggio, del post sulle rose del mio giardino.

Come ho sempre sostenuto e scritto, non sono un’esperta in rose.
Anzi, a dire la verità, ancora non riesco a riconoscere le varie classi e varietà, non so quando è meglio potarle e soprattutto COME potarle!
Nonostante questo, però, in giardino le rose sembrano stare davvero bene!
Incredibile vero? Occhiolino

Vi ho già parlato delle rose sulle pergole all'entrata,  ed anche della ‘Mozart’, ibrido di moscata,  di cui avevo già mostrato le prime fioriture.

Continua il suo spettacolo in questi giorni di fine maggio, con vere e proprie cascate di infiorescenze, incantevoli soprattutto all’imbrunire, quando illuminano il giardino con il loro colore acceso in mezzo al verde





Poco più in là, da sotto le fronde di un ciliegio, si affaccia la meravigliosa rosa ‘Complicata’, che contraddice il suo nome perché si tratta di una gallica dalla corolla semplice, i cui fiori possono avere un’apertura di oltre 12 cm.
Fioritura generosa ed abbondante, ha sempre un aspetto sanissimo e glorioso, e, stranamente per una rosa, in piena ombra cresce benissimo!



quando perde i petali, gli stami dorati già preannunciano le future bacche colorate che si avranno in autunno e che decoreranno la pianta.



Nella bordura al sole, sul trespolo di legno, realizzato su mia indicazione dal mio compagno, cresce l’adorabile ‘Cornelia’, una moschata di Pemberton, che dovrebbe crescere in forma arbustiva, ma qui ha “scelto” di fare la sarmentosa ^^


Sul treillage è accompagnata da una cinese ,‘Le Vésuve’,  incantevole rosa dai colori che vanno dal cipria a lievi sfumature di cremisi, a volte sembra quasi una delicata porcellana di Capodimonte.
Ha una fioritura continua e notevole, fogliame scuro e sano e i nuovi germogli hanno rami rosso scuro  che creano contrasti  stupendi su tutto il cespuglio!




Continua.....









giovedì 28 maggio 2015

Bentornata - by Delia

Me lo dico da sola, dato che è passato tanto tempo dal mio ultimo post.... senza star qui a raccontarvi i motivi della mia assenza, rinasco in primavera (ormai inoltrata!) come i magnifici fiori dei giardini. E a proposito di giardini, il mio ha deciso un po' di fare da solo, seguendo i ritmi naturali delle stagioni, evolvendosi e crescendo, a volte in meglio e in altre meno.
Sono nati due nuovi spazi, entrambi nelle zone di maggior passaggio verso la casa, ma non ne parlerò ora, in questo post metterò solo qualche scorcio panoramico.

Opulenza, ecco la parola che mi viene in mente per definire ciò che ci ha regalato un inverno piovoso ed una primavera particolarmente fresca, tanto da permettere ai fiori una durata insolita, soprattutto alle rose, che nel mio clima in genere hanno una vita breve. 
Perchè solo scorci? Perchè volevo darvi una idea della struttura delle piante.... negazione assoluta riguardo gli scatti che purtroppo vi diranno poco, ma cercherò di dare una descrizione di ciascuna foto. Garofani e Ixie si mescolano perfettamente tra loro alla base di un Ceanothus e di una Old Blush
Nel sentiero sotto il patio le pietre delimitano l'aiuola, dove ricadono carex, tulbaghie, heuchere, mentre l'Anemone hupehensis incombe su di loro
Altre pietre (filo conduttore di tutto il mio giardino) formano terrazzamenti ingentiliti da tralci di edere variegate e non, e per dare slancio all'aiuola ho messo delle iris che stanno alla base dell'albero di fico.
Devo confessare che spesso non considero la dimensione delle piante da adulte, creando così delle costrizioni non sempre piacevoli, ma a volte mi capita di indovinare le associazioni, come per esempio le ajughe con la Lychnis coronaria alba. Tempi di fioritura leggermente diversi che permettono però di godere del blu intenso dell'Ajuga Catlin's giant mentre la Lychnis cresce in altezza. 
Se il rosmarino viene potato a palla facendogli perdere l'aspetto originariamente svettante, si crea un contrasto piacevole col disordine morbido delle rose....
Tulbaghia, Hemerocallis e Eragrostis, catturano la luce nelle loro foglie, snelliscono visivamente le bordure come anche le graminacee. E' un'aiuola che prende sole solo la mattina e in modo feroce, poi resta totalmente in ombra dal pomeriggio in poi, per questo motivo vivono bene anche alcune felci.


 La piccola aiuola sul lato scala si è letteralmente riempita, caspita! Rosmarini, graminacee, Hemerocallis, Origanum aureum, qualche bulbosa, una Iris foetida ed un elleboro... e nella foto sotto? Strati di verde che nascondono il terrazzamento: Iris. violette, edere nella terrazza sovrastante, e nell'aiuola in basso rose, rosmarini e Spiree. Ora è il momento delle rose....

Per non esagerare finisco qui, ma tornerò presto, le nuove bordure aspettano di essere conosciute!

 

sabato 23 maggio 2015

Rose come se piovesse - 2° parte - by tyziana

Foto 1

Seconda parte dedicata alla generosa fioritura delle mie rose di quest’anno molto fortunato!

Ho voluto e fatto costruire dal mio compagno Giacomo, all’entrata di casa, tre pergole grandi a forma di P greco  TT
dove far arrampicare le rose e dare un bel colpo d’occhio ad accoglierci al rientro a casa, e devo dire che quest’anno l’effetto è molto più bello di quanto mi aspettassi!

Foto 14

Foto 13

Nel post precedente vi ho già mostrato la pergola di fronte con la stupenda rosa noisette ’Mme Alfred Carriére’.

Alla sinistra entrando, la moderna ‘Cesar’ di Meilland ricopre letteralmente tutta la pergola, sopra il lampioncino,  creando una cascata con effetto vintage, dove sotto ho voluto una panchina, il posto preferito dal mio gatto Pepito =^..^=

Foto 2

Essendo una rosa moderna, è poco conosciuta, o meglio,  un po’ snobbata, ed il suo colore a volte può risultare un po’ “chiassoso”, specie se in pieno sole, ma a me piace perché risulta molto scenografica, specie nel suo massimo splendore.

Curiosamente, l’altro giorno ho scattato questa foto, fatta superando la pergola di fronte e girandomi verso la Cesar. Un punto di vista diverso, guardando attraverso la lampada appesa nella pergola, ed il risultato è stato questo incredibile scatto dal gusto retrò!

Foto 00

Sulla pergola a destra, un’altra rosa moderna di Meilland, cugina meno nobile della più famosa ‘Pierre de Ronsard’, la ‘Palais Royal’ che io preferisco perché  quando sboccia le somiglia tanto

Foto 4

Foto 11

Foto 12
ma poi, invecchiando scolora in bianco candido, mantenendo i petali fino alla sfioritura.

Foto 10

Non mi stanco mai di ammirarla, specialmente al crepuscolo, l’ora migliore che evidenzia il suo candore, che contrasta col verde brillante del  prato.
La rosa  fa da porta all’entrata  sul giardino davanti a casa

Foto 5

Foto 3

Parlando di colori, non saprei davvero quale preferire nelle rose, ce ne sono di tantissime e con sfumature e colori bellissimi.

Il bianco  però è fra i miei preferiti, e la ‘Mme Plantier’ che fa da sfondo alla bordura da sole, ha un candore davvero incantevole!

Foto 8

Foto 7a

Foto 6

Foto 9

Nella stessa bordura è fiorita la floribunda ‘Gruss an aachen’,  che quest’anno ho dotato di un grazioso tutore in ferro, acquistato alla Lidl, che trovo ci stia benissimo

Foto 10Foto 1

Foto OOO

 

Continua………

Firma post

mercoledì 20 maggio 2015

Rose come se piovesse!! – Parte I° - by tyziana

Foto AA

Non ho mai veramente quantificato le varietà delle rose presenti nel mio giardino, di piccole dimensioni.

La maggior parte di loro, quelle di cui vi parlerò oggi, sono nate da talee degli scambi fatti con amici, specialmente con il mio amico Paolo che mi regalò anni fa tantissime talee delle sue splendide rose.
Lui  ha giardino meraviglioso nella tenuta dell’Agriturismo Petralta di famiglia, sito nel cuore dell’Umbria.
Vi consiglio una visita al suo roseto, che presto spero di riuscire a vedere di persona anch’io!
Un piccolo assaggio di quello che potreste ammirare….

Post 21
La più grande soddisfazione per un giardiniere appassionato è appunto avere successo con le proprie cure e capacità, che siano semine o successi dalle talee di rose arbusti o erbacee. Ne parlavo giusto oggi con una cara amica.

Devo dire che, a distanza di qualche anno dalle talee, il mio giardino-giungla-roseto ha raggiunto la sua maturità e le rose quest’anno sono molto generose e bellissime, complice forse un perfetto inverno piovoso ed una primavera altalenante fra caldo e fresco, e qualche breve episodio piovoso, come ieri pomeriggio, con un bel temporale che ha rinfrescato e dissetato il giardino.

Foto CC
Combinazioni di colori e di rose in tutto il giardino.
Qui una delle mie preferite, la ‘Cardinal de Richelieu’, insieme alla ‘William Morris’ e sullo sfondo la ‘Chinensis mutabilis’.
Un’unica fioritura, poichè si tratta di una gallica,  ma si fa perdonare perché quest’anno è molto molto ricca di fiori dal colore cangiante meraviglioso!

Foto GG

Foto GGG
Ho associato alla Cardinal la ‘William Morris’,  di una bellezza dolcissima, col capo chino tipico delle inglesi

Foto N
Foto NNNFacilissima da talea, ne ho piantata una in un’altra zona del giardino, abbinandola ad un nuovo acquisto ( uno dei più indovinati di quest’anno!  )  a Milis il marzo scorso, la Digitalis Thapsi, che dicono sia perenne

Foto NN
Della rosa ‘Chinensis mutabilis’ avevo scritto un post  nei mesi scorsi un elogio alla sua bellezza e costanza, dato che fiorisce per quasi 12 mesi all’anno

Foto LL

Che dire dell’incredibile, impressionante e strepitosa fioritura di quest’anno della noisette ‘M.me Alfred Carriére’?
Forse la più bella, a detta di tutti!
Ci sono stati momenti, al culmine della fioritura che sembrava d’essere al Sissingurst!!
Foto 1a

Foto II
Ed è solamente all’inizio la fioritura della ‘Mozart’, ibrido di moscata, talmente carica di fiori da aver letteralmente sommerso il treillage che doveva reggerla

Foto MMMMFoto MMM
Foto MM
Accanto a le un altro ibrido di moscata, una delle mie preferite in giardino, la meravigliosa ‘Buff Beauty’, una rosa romantica che sembra uscita da un quadro d’altri tempi

Foto 4

qui insieme alla ‘Crocus rose’, altra eccellente inglese di David Austin

Foto 9

Arrampicata su una Brugmansia suaveolens color pesca, una incontenibile ‘Ghislaine de Feligonde’, una rambler ibrido di multiflora, dai fiori delicati a mazzolino
Foto QQ

DSCN1080

Mi fermo qui per il momento, ma ci sono ancora tantissime rose di cui raccontare.
Vi lascio con il link di un video che ho girato proprio ieri dopo la pioggia  Occhiolino

https://www.youtube.com/watch?v=_slrF0kWkJM


Continua…….

Firma post