Il momento delle separazioni….. - by tyziana


54535845458255812_fgvxHKgn_f
Nooooooo!!! ma  che avete capito???
Non parlo di separazioni sentimentali, ma della divisione delle piante dei semenzai!!  Open-mouthed smile

Domenica scorsa abbiamo lavorato al “pot ghetto”, sapete no? ……..quella parte di giardino che  “AAAAAAHHH!!! ”, non vorreste mai far vedere perchè perennemente in disordine, con vasi, sottovasi, contenitori di vario genere, sacchetti di terriccio, eccettera, che, non so voi, ma io rimando sempre l’incombenza del rimettere tutto in ordine.

Ecco, domenica ho fatto un sogno, che ho condiviso  su Facebook, dopo aver trovato su Pinterest questa immagine

10318793_10203336803295070_1572880864_n-001

ho sognato di averne uno così, tutto in ordine, senza un vasetto fuori posto e shabby!
Non è bellissimo? *-*

Vabbè, poi mi sono data un pizziccotto e sono tornata con I piedi per terra……..

Avevo del lavoro da fare!
Ho proceduto alla separazione di una serie di piante ormai già cresciute nei semenzai, ma soprattutto, a quelle che mi aveva regalato alcuni mesi fa il mio amico Gabriele, prese dai suoi semenzai, mentre io ho ricambiato spedendogli una quantità  industriale di semi!  Winking smile

Le piantine, che erano  piccole piccole,  hanno ben sopportato il viaggio, anche perchè Gabriele, che è abbastanza esperto, le aveva accuratamente protette, ognuna col proprio involucro di scottex, cellophane e stagnola

1922216_10202794359174306_1764473341_n
Ogni cartoccio era contrassegnato da un numero, che faceva riferimento all’elenco descrittivo nella lettera che le accompagnava, veramente  super organizzato! Winking smile

WP_20140508_004-001
Le piante erano davvero molto piccole, e dopo averle trapiantate sembravano sparire in tutto quello spazio…
DSCN8318
e la mia costanza e cura nell’innaffiarle col vaporizzatore, hanno fatto sì che già dopo un mese avevano un altro aspetto!

DSCN9909
544
Arrivato maggio però, per alcune di loro, che  erano ormai cresciute troppo dentro il vaso troppo stretto,  è già tempo di divisioni.
DSCN1843
specialmente  per la Lychnis flos-cuculi ‘White Robin’ che necessitava urgentemente di un trapianto!

DSCN1852

Per cui, armata di pochi strumenti, un coltellino a punta, alcuni vasi con terriccio ricco, e vaporizzatore, procedo con il lavoro di separazione delle zolle
WP_20140503_018
WP_20140503_025
WP_20140503_019
Stacco con delicatezza ogni piantina salvando le radici  sottili
WP_20140503_023
WP_20140503_026
e le trapianto poi in diversi vasetti che ho preparato precedentemente, con un fondo di argilla espansa e terriccio ricco
WP_20140503_030WP_20140503_034
Et voilà! Alla fine ho ricavato circa una ventina di piantine suddivise adesso in cinque vasetti, dove avranno modo adesso di svilupparsi ulteriormente e prepararsi per il trapianto definitivo in giardino!

Non male per un banchetto sgangherato e…..poco shabby chic! 
Un immenso grazie al mio amico Gabbo! Winking smile
A presto!
Firma post

4 commenti

  1. C'est tellement de plaisir les plantes des amis ! Et tu t'occupes des tiennes avec un amour maternel ! :-)
    Chez moi, le "ghetto de pots" est le même que chez toi ! Beaucoup de choses dans tous les coins !! Mais je craque pour la jolie photo que tu as trouvée sur Pinterest et je me dis qu'un jour, mon coin de rempotage ressemblera à ça ! On peut rever ! Bisous Titty !

    RispondiElimina
  2. Tiziana, le piante si vede che sono sanissime e son felice che siano andate in buone mani! Spero ti piacciano anche solo la metà di quanto piacciono a me :)
    p.s. se la Salvia la rinvasi in un vaso del 16 o 18 crescerà ancor più velocemente! Son piante che amano lo spazio :)
    Gabriele

    RispondiElimina
  3. Das sieht ja schon alles ganz gut aus :)

    lg kathrin

    RispondiElimina
  4. Qui ne rêve pas d'une jolie table de travail au jardin shabby chic, moi aussi j'en rêve et comme toi dans un coin j'ai un gros foutoir que je cache. En tous cas du as fait du beau boulot avec tes petites plantes que tu as su séparer avec délicatesse, c'est un travail qui demande de l'attention et de la patience, Bravo Titty.

    RispondiElimina

Back to Top