Il giardino di marzo: sensazioni


Adesso, dopo che vi siete gustati (spero!) le foto qua sotto, vi dirò ciò che suscita in me la primavera.
Ecco, ogni volta per me è così: vado in giardino, e da una settimana all'altra tutto è cambiato. La monotonia invernale ha ceduto il posto ai colori, ai profumi primaverili, il sole, gli uccelli, l'aria ti mettono addosso una positività e una voglia di fare tipica di questa stagione. E quindi.....ci si mette subito al lavoro! Le piante nel pot ghetto non possono più aspettare, sentono il bisogno di espandersi, ma ahimè, il terreno va ancora preparato, liberato dalle erbacce, zappettato e reso accogliente. Nuove forme prendono possesso di angoli nel giardino....



...e le bulbose ti ripagano delle giornate spese a studiare su cataloghi e su fogli di carta accostamenti e preferenze, e della fatica di posizionarle nelle nuove aiuole. I gialli, gli arancio, i rosa, i blu....tutto esplode, e i miei occhi e la mia anima rinascono piene di energia! E ancora deve arrivare il bello, siamo solo agli inizi, forza giardinieri impazienti!

5 commenti

  1. questo angolino della prima foto è meraviglioso,complimenti,mi piace assai........brava

    RispondiElimina
  2. Pensa un pò che io sto ancora studiando.. :D
    Considerando che stamattina c'erano -2°C, ho ancora un pelino di tempo! ;)
    Ad ogni modo non vedo l'ora di vedere i gialli, gli arancio i rosa e i blu esplondere nel tuo giardino. ;;)

    RispondiElimina
  3. Il giardino di marzo è pieno di speranza!!!!!Anche se i giardinieri sono impazienti.
    Piace molto queste giardino

    RispondiElimina
  4. Siete persone strepitose, io immagini così belle ne vedo raramente..invidio la vostra capacità di creare capolavori della natura..io ho il pollice nero!! un abbraccio e buona pasqua a tutti e in particolare a Tiziana!!
    baciotto
    chiara
    p.s. le foto del post della gita sul mare mi hanno fatto impazzire, io sono stata vicino Villasimius ma in villaggio (colostrai) e ste meraviglie non le ho proprio viste ahimè..

    RispondiElimina
  5. Delia..hai saputo esprimere con parole delicate la furighedda che ci coglie tutte ai primi accenni di primavera! E complimenti all'autore del micio segnavento..è davvero carino, mi ricorda la mia Viola..

    RispondiElimina

Back to Top