Mirti e Teucrium a Capo San Marco–by Josie

Cosa fare in un’assolata mattina d’estate in sardegna? buttarsi in acqua senza passare dal via?? noooooo! il pazzo con la passione per le piante spontanee si butterà, invece che al fresco, in una lunga passeggiata a piedi verso Capo San Marco, nel comune di San Giovanni di Sinis.
Ovviamente a metà cammino, quando cala il vento e il sole gli fa ricordare che siamo a fine luglio, il sopra citato pazzo si ricorderà anche di non avere con sè manco una bottiglietta d’acqua… no comment e partiamo con la passeggiata!
Ecco l’antica torre di avvistamento (e l’ombra della mia mano –.-), lungo la stradina, macchie di finocchio selvatico spandono il loro intenso aroma sotto la calura.
Sinis e sud 056
Sinis e sud 057

A lato della strada c’è il sito archeologico di Tharros, che non ho visitato seguendo questo pensiero “Con questo caldo mi dovrei avventurare sotto il sole per vedere le rovine che posso vedere anche da qui?”; non mi è passato per la mente che i turisti in visita fra le rovine avranno pensato “Con questo caldo, cosa starà facendo quella pazza che fotografa le erbacce?” ahaahah!! la zona è punteggiata di fiori dorati, di cui sapevo il nome prima che il solleone mi cancellasse la memoria.
Sinis e sud 060 Sinis e sud 062
Cammina, cammina si arriva ad una prima torre di avvistamento, da un lato il mare turchese, dall’altro le rovine, con le colonne che ancora svettano contro il mare, di fronte lo sguardo si apre verso la lingua di terra che porta al faro.. perchè tornare indietro? sempre avanti!! non senza aver gigionato una buona mezz’ora blaterando nomi in latino all’indirizzo di ciuffi di piante secche..
Sinis e sud 072
Sinis e sud 085
Sinis e sud 095
Sinis e sud 104 Sinis e sud 110
In preda alla smania fotografica e alle visioni date dall’ormai manifesta insolazione, ritraggo affascinata le spontanee, riflessi dorati da un lato, l’argento del teucrium. dall’altro (ma levassi qualche volta le dita dall’obiettivo, non sarebbe parecchio meglio??!)
Sinis e sud 108 Sinis e sud 109
La passeggiata corre sulla cresta, ai lati cuscini di mirto modellati dal vento, che profumo!
Sinis e sud 111
Eccolooo, eccolo il faro!!! già mi immaginavo appesa all’ultimo lembo di terra, col faro alle spalle e il volto al mare… e invece il faro era in zona militare recintata con tanto di filo spinato e telecamere. –.- sgronf!
Sinis e sud 117
Dietrofront quindi, con l’occhio catturato dalla trasparenza dell’acqua e il piede che mi ricorda che NON ho l’agilità di una capra per saltellare fra le rocce e arrivare al meritato bagno..
Sinis e sud 119
nel frattempo, il vento ha pensato bene di andare in pausa pranzo e io sono arrivata al chiosco bar più o meno nelle condizioni del cane..
Sinis e sud 059

6 commenti

  1. Che meraviglia, mi hai fatto venire voglia di prenotare il traghetto per agosto 2013 e farci una capatina con il mio camper... speriamo che i traghetti abbassino i loro prezzi se no addios

    RispondiElimina
  2. bellissimo!!!! che posti fantastici e raccontati con lo spirito che ci vuole!! Bravissima!!!!

    RispondiElimina
  3. Ragazzi, ma dove abitate? In paradiso?
    Un caro abbraccio a tutti...
    Silvia

    RispondiElimina
  4. che bello il vostro blog, ho solo un piccolo terrazzo, ma adoro i fiori le piante, mi lascerò contagiare da voi, senza opporre alcuna resistenza ... complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  5. Serena non sai quanto mi sono immedesimata a leggere il tuo post,quando gli altri se ne stanno spaparazzati all'ombra io parto con la macchina fotografica,io che odio stare sotto il sole!
    Sei stata davvero bravissima,mi sembrava di esserci anch'io ma senza sudare eheheheh

    RispondiElimina

Back to Top