cosa seminare in autunno–by josie/serena

aquilegia 1
L’inizio dell’autunno offre ancora temperature miti e aria umida, condizioni favorevoli per le semine di piante che possono affrontare l’inverno.
Non ho una serra nè un locale riscaldato e luminoso dove far svernare le piante, quindi per le semine di settembre ho puntato su piante che non temono il freddo.
Questa primavera ho osservato le piante che mi hanno dato più soddisfazione in giardino e le ho controllate anche dopo la fioritura per riuscire a raccogliere i semi.
Con la luna crescente di settembre, ho raccolto le bustine di semi che avevo preparato e mi sono lanciata in una nuova sessione di semina…pronti? Via!


Le Aquilegie

Questa primavera ho inserito in giardino diversi tipi di aquilegie che avevo ottenuto dai semi di Tiziana e Delia. Quelle che mi sono piaciute di più sono quelle viola e quelle bianche. Ho tre tipi di aquilegie bianche in giardino: le prime a fiorire sono quelle che ricordano degli elfi dalle lunghe gambine. Le altre due aquilegie bianche coprono un periodo di fioritura lungo più di un mese perchè le une sono precoci mentre le altre tardive.
aquilegia 5

aquilegia 2

aquilegia 6
In una fiera ho poi preso delle aquilegie un po’ particolari (di cui ho perso il nome): alcune sono doppie e mi ricordano dei bon-bon, mentre un’altra varietà è di altezza contenuta e ha i fiori bianchi sfumati di rosa antico.
Purtroppo queste due varietà hanno prodotto pochissimi semi, che ho raccolto con cura per poterli riseminare.
aquilegia 4 aquilegia 3
Le aquilegie sono un po’ una scommessa perchè si ibridano tra loro: i semi possono dare delle piante di colore diverso dalla madre. In compenso sono facili da seminare!
Dopo circa 10 giorni sono spuntate le piantine seminate a fine settembre. Ad un mese circa dalla semina le ho ripicchettate in vasetti da 9 cm e concimate con un pizzico di cornunghia. Sono cresciute bene, ed affronteranno tranquillamente l’inverno; l’unica accortezza è che le sistemo in un portico esposto a sud, in modo che siano al riparo dalle gelate invernali.
Un’altra nota di merito delle aquilegie è che non vengono attaccate dalle lumache, le loro foglie sono velenose e le lumache lo sanno bene!
aquilegia plug

Le Violette di Mamma

Da fine marzo a maggio le piccole violette hanno regalato al giardino le loro corolle semplici e delicate. Queste masse di capolini viola lilla mi ricordano i giardini di una volta, sembrano uscire dalle pagine di un romanzo. Molti semi li ho lasciati cadere a terra (dove vengono puntualmente razziati dalle formiche), alcuni li ho raccolti.
Queste violette, se seminate a settembre, riescono a fiorire già dalla primavera successiva. Grazie al loro vigore, sono le piante più avanti come sviluppo.
Le userò per la prima linea delle bordure, in particolare le affiancherò alle iris, visto che fioriscono nello stesso periodo.
viola 2 viola 1

violette

La Scabiosa spontanea

Ripeto anche quest’anno la semina settembrina della scabiosa che avevo raccolto alla riserva naturale dello Zingaro. E’ una scabiosa spontanea con un portamento morbido e deliziosi capolini lilla che fioriscono da maggio sino ad agosto. Germina facilmente dopo una settimana dalla semina. Al contrario, ho tentato anche la semina di un’altra scabiosa acquistata in vivaio, ma senza nessun successo, non è spuntata nemmeno una piantina.
scabiosa 1 scabiosa 2

scabiosa plug

La Margherita da spiaggia

Quest’estate, in Sardegna, ho raccolto alcuni semi di piante spontanee della fascia costiera. In particolare mi sono piaciuti l’Eryngium, con gli steli viola-argento, e una piccola margherita.
Ho tentato la semina di entrambi, purtroppo l’Eryngio ha capito subito che in Toscana non avrebbe trovato le temperature miti della Sardegna e non si è fatto vedere. La margherita invece, è spuntata e sta sviluppando bene.
eryngium

anthemis

anthemis plug

i Flop

Ho tentato anche la semina della Centaurea alba e dell’Asphodelus (quest’ultimo da semi raccolti in Sardegna) ma nulla di fatto, non è spuntato niente!
centaurea

Per ora le semine di settembre sono ben avviate e, lumache permettendo, arriveranno alla primavera, pronte per la messa a dimora.. buon viaggio piccoline!

4 commenti

  1. Un futur beau printemps avec vos semis ,quelle belle réussite que vos Ancolies et Violettes ,la scabieuse est plus délicate mais vous voilà quand même avec cette belle variété ,le climat n'est pas toujours propice à nos semis la preuve vos eryngium ,les petites marguerites ici se resseme très bien ,.Des flops à il y en à toujours hop on passe .....
    Bonne chance à tout vos bébés pour l'hiver et merci pour cet article et votre expérience ,ici je n'ai rien fait pour l'hiver ,pas de serre je ferais des semis de printemps et des achats pour certaines .
    Emmanuelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il commento Emma! E' sempre un piacere leggerti!

      Elimina
  2. Bellissime le tue piantine!! Complimenti! Le temperature come sono li? Qui gela da settimane :)

    Un saluto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'intervento! Qui in Toscana le temperature non sono ancora scese sotto lo zero, siamo sugli 8-10 gradi di giorno adesso. Le semine le ho fatte però nella seconda metà di settembre, in modo che le piantine avessero il tempo di diventare "grandicelle" prima dell'inverno.. a presto!

      Elimina

Back to Top