Fiori di marmo - by Delia

Camminando all'interno del Cimitero di Bonaria, a Cagliari, nel rispetto comunque del luogo e di ciò che rappresenta, venivo attratta dai decori delle lapidi.
 A parte i viali alberati e qualche arbusto (cotoneaster, rose), non si vedono fiori freschi, sintomo di un vero abbandono del luogo;  tralci e mazzi di fiori scolpiti invece sono presenti ovunque e in diverse forme e stili.
 I fiori di marmo, simbolo del ricordo costante dei familiari nei confronti dei defunti, sono stati realizzati a partire dalla fine del 1800, quindi lo stile Liberty è tangibile.
             Edere che avvolgono i vasi e i piccoli lucernari
                 Tanti piccoli fiori, a formare una corona
                        Gigli, rose e passiflore.....
                          Basamento decorato
 Qui mi è piaciuto in primis il monumento nel suo complesso, con abiti rappresentativi ottocenteschi e un discreto mazzo di fiori adagiato alla sua base
                                Gigli e fiori, abbondanti!
Questa la adoro.....rose ad incorniciare un volto del passato.......

6 commenti

  1. Comme vous êtes romantiques en Italie ! C'est très joli. Ici, tout est si froid :((

    RispondiElimina
  2. Ma che incanto, Delia, i decori che hai immortalato nelle tue foto e quelle statue sono delle vere opere d'arte, come non dedicare loro una recensione, come non trarne ispirazione.
    Ed hai davvero fatto un ottimo lavoro !

    RispondiElimina
  3. Ho dimenticato di firmarmi ...:(
    Daniela

    RispondiElimina
  4. Certo i monumenti sono molto belli, ma
    chissà quante persone saranno passate di lì senza vedere niente altro che vecchie lapidi polverose. Tu invece hai saputo cogliere lo spirito e la poesia di questo luogo e farne partecipi tutti noi. Brava!

    RispondiElimina
  5. J'adore aussi me promener dans les cimetières et regarder les détails des tombes d'autre fois car de nos jours c'est beaucoup plus rare ! Bisous Titi

    RispondiElimina
  6. Cimetières romantiques en Italie !
    MC

    RispondiElimina

Back to Top