Piccola visita in Castello - by Delia


Non sto qui a raccontare la storia della mia città, Cagliari, ma vi volevo portare con me nelle strette e caratteristiche strade del suo quartiere storico situato nella parte alta, Castello, il cui nome deriva dalle mura che proteggevano dagli attacchi dei popoli invasori che arrivavano dal mare, dalle torri che svettano bianche, e visibili a distanza.

Non è di sicuro all'altezza di altri centri storici italiani, per esempio di quelli del centro Italia, ma è comunque godibile. Dal punto di vista giardinicolo non ha molto da offrire, giusto qualche vaso fuori dalle piccole porte di legno che danno sulla strada o nei balconi, oppure delle piccole spontanee o addirittura alberi che sbucano da ruderi o da case abbandonate.

Qua e là, appaiono anche i monumenti: la Cattedrale, alcune chiese, ci sono anche delle targhe in alcuni palazzi d'epoca che risalgono al 1600 circa, forse qualcuna è persino antecedente. Ci sono anche tracce della presenza dei romani; mi sarebbe piaciuto aver fatto un corso di studi diverso, magari avrei saputo spiegar meglio il significato di qualcuna delle iscrizioni. Molti dei palazzi hanno dei decori che incorniciano portoni e finestre, ma hanno un aspetto decadente, un vero peccato! Tra le vie, si notano ancora in alcuni punti gli sventramenti di intere palazzine d'epoca a causa delle bombe della seconda guerra mondiale. Ci vorrebbero delle ristrutturazioni importanti, per dare di nuovo lustro ad una zona storica che secondo me merita un po' di attenzione in più.
 Essendo anticamente una città arrampicata su un colle, ci sono numerosi bastioni da cui si possono vedere bellissimi panorami romantici, fidatevi....
 Bastione di Saint Remy, Bastione Santa Croce sono due di essi....niente verde, solo qualche palma e fioriere un po' tristi, questo lo devo ammettere....
 ....ma guardate al tramonto, quanta suggestione nel percorrere le stradine strette strette sotto la luce dei lampioni...


 ...ed ecco che spunta, come vi avevo detto in precedenza, un vero albero da una finestra....
 In questa nicchia sul muro, con tanto di arco,  il capelvenere ha dato il suo tocco personale....
 ...altro scorcio interessante, vecchi palazzi e volte che sovrastano i vicoli....
Spero che il piccolo giro per questo quartiere vi sia piaciuto, come è piaciuto a me. A volte si viaggia tanto, si conoscono luoghi nuovi, ma non si conoscono le cose a noi più vicine....ecco, quello che vorrei imparare a fare, è proprio quello di scoprire le radici della mia terra, in particolare della mia città.

7 commenti

  1. Bardzo lubię spacerować takimi wąskimi uliczkami, o szerokości mniej więcej moich rozłożonych ramion i oglądać takie urocze drobiazgi, jak pokazujesz. Pozdrawiam.*** Mi piace molto camminare per queste strade strette, più o meno ampia diffusione tra le mie braccia e guardare queste cose carino, come vedere. Distinti.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo anche questo post, Delia...siete molto brave a saper cogliere le caratteristiche giuste da enunciare e da immortalare.
    Bravissima.
    Dani

    RispondiElimina
  3. adoro i centri storici...quello di Cagliari mi sembra bellissimo! Brava Delia, un pochino ora lo conosciamo pure noi!!!
    baci
    simonetta

    RispondiElimina
  4. Molte grazie per questa bella passeggiata di giorno come notti nella tua città che non conosco ancora!
    Baci

    RispondiElimina
  5. grazie Delia per la visita guidata della tua città,chissà che un giorno non la si possa fare insieme e magari scoprire un angolino nuovo..
    Buona domenica.monica

    RispondiElimina
  6. Certo che ci è piaciuto! poi quell'arco con il capelvenere...senza dubbio vivi in una realtà stra-piena di cose affascinanti!
    Lo studio delle iscrizioni, ovvero l'epigrafia sta appassionando anche me.
    Sara

    RispondiElimina
  7. "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi." (Marcel Proust)
    è proprio bello vedere posti nuovi attraverso gli occhi degli amici.. ancora Delia, ancora!

    RispondiElimina

Back to Top