La Festa della Ceramica 2015 - by tyziana

21553620939_be21a1ef45_o
Sì, lo so, ehm…..scusate, sono un po’ in ritardo con i post sul blog, ma sono stata via, come forse saprete, per qualche giorno e sono reduce da un bellissimo tour nel nord Italia, dove tra le altre cose, come vi avevo annunciato, sono stata anche ad Orticolario, a Cernobbio sul Lago di Como, viaggio di cui vi parlerò nei prossimi post!


Ma torniamo indietro di alcune settimane……
Nell’ultimo weekend di settembre si è svolta a Cagliari  la 5° edizione della Festa della ceramica, con un ottimo successo di pubblico, che aspettava la manifestazione da due anni, visto che l’anno scorso è saltata per questioni burocratiche….

Per chi volesse, può’ dare un’occhiata ai vecchi post degli anni precedenti, con le passate edizioni.

Avviso ai naviganti: mettetevi comodi, con i piedi sulla scrivania, perché il post è giustamente lungo, ho scattato tantissime foto! Occhiolino

La manifestazione si svolge ogni anno nella splendida cornice dei Giardini Pubblici di Cagliari, uno dei polmoni verdi della città, in un’ambientazione molto suggestiva
21460895053_da012cec3b_o
dove, oltre agli allestimenti dei vari stand di artisti e artigiani non solo sardi, ma provenienti anche da altre parti d’Italia e soprattutto dalla Francia, erano presenti anche delle esposizioni di artisti sardi lungo tutto il parco



21553696029_353f835731_o
21896597528_ee5c412cf9_o

Promotori e ideatori dell’evento i coniugi Salvatore Farci e Maria Cristina di Martino, instancabili e caparbi, sono riusciti a riunire in un’unica mostra mercato ceramisti sardi, italiani e d’oltralpe, specialmente i francesi, di cui vi parlerò in un secondo momento.

Lo stand di “Raku”, così si chiama l’atelier dei coniugi Farci, che prende il nome dalla lavorazione tipica delle loro ceramiche, è divertente oltre che molto colorato, fra casette, cagnolini vintage, gallinelle e  pesci in tutte le forme!

21551929669_5787e02877_o
21462797484_a9ae59a8a8_o
21897638678_dde0659a6b_o
22070428642_027ac94478_o

Fra gli stand di casa nostra, le immancabili e ormai famosissime sorelle Ariu, delle Ceramiche Ariu,

Video acquisiti
che ci incantano con le loro splendide “Barrose”, donne scolpite in atteggiamenti testardi e prepotenti, o in dolci e teneri abbracci o coi bimbi in braccio


21749558681_1080aac31b_o


o con le loro tipiche pecorelle stillizzate, in tutte le salse, mattonelle e pannelli in ceramica o sculture vere e proprie.
Queste lisce in bianco o nero sono particolarmente chic!



21728034592_47fb52045c_o

Lo stand di Alessandro Lai era davvero molto interessante, con la realizzazione di pannelli in ‘raku’ che riproducevano stilizzate le miniere di Monteponi e di Montevecchio

22059992692_b23fab24f7_o22046279696_e5b503a380_o
bellissime anche le miniature dei ‘Mamuthones’ ( maschere tipiche del carnevale di Mamoiada, in Barbagia )

22046200296_f5b14cafec_o
21896805398_d9697434c8_o21463608973_66fee38122_o
piattini e ciotole con la classica gallinella sarda

21451370223_9c94ea0539_o
ma i miei pezzi preferiti erano le riproduzioni dei giganti di epoca nuragica, con il Capotribù, il Guerriero con spada e scudo e l’Arciere

21451283733_6e0ab5b323_o
Nello stand delle Ceramiche artistiche di Alessio Sale colori forti e animaletti pazzi, attiravano un pubblico curioso!

Il pesce palla
21449701264_0991d9a459_o
I piranha
22060181702_50f052a8ca_o
i polpi21451449063_3e9911a3ce_o
I gechi21897872808_0fc82d1e8c_o
I gufetti ed il sole21884671678_3c8548187c_o
I galletti
21885746559_c594a5848d_o
il gatto spaventato22082555311_5d7ed8fab9_o

Ancora, fra gli artisti sardi ho avuto il grande piacere di incontrare ancora la mia amica Laura Puggioni di Sinzos, che avevo conosciuto fin dalle prime edizioni della Festa della ceramica.

Le sue opere sono veri capolavori!
Dalle riproduzioni dei bottoni d’oro tipici dei costumi sardi
Laura Puggioni
22069485772_81917d93b0_o

alle mattonelle coloratissime con animali.
Fra le novità di quest’anno le sue ceramiche per la cucina, con colapasta, poggia mestoli e ciotoline meravigliose, tutto dipinto a mano!

Laura Puggioni1
Coloratissime anche le ceramiche di Valeria Tola, con le pavoncelle sarde e cuori appesi agli alberi

21898209049_2b50125618_o21462339014_35ee9c3fdd_o
21898355139_5dfe5373e4_o
22072596502_361fb906dd_o

Dalla Toscana, più precisamente dalla provincia di Firenze, Sandra e Stefano Giusti avevano un’esposizione davvero interessante e simpatica, con una giostra di uccellini e pesciolini in ceramica sottilissima che appesi e col vento, facevano un suono delicato che richiamava il pubblico



22072494292_7e6a836a22_o
che si potevano anche acquistare incorniciati in deliziosi quadretti sempre in ceramica

21460625954_f4fd3a71cd_o

21897490578_c4b47ff8cc_o21462605404_14f423f6f9_o
Bellissimi oggetti come ciotole, bottiglie e accessori da cucina in tonalità azzurro polvere e bianco.

Sandra e Stefano Giusti

Uno degli stand che più mi è piaciuto è quello di Fabrizio Tranquilli.
Anche lui toscano, ma mi ha raccontato che vive per metà anno  a Cucuron in Provenza, Francia, dove, a mio avviso, ha avuto un’influenza  sulle sue opere, che presentano disegni dai toni delicati e soffusi, i colori che vanno dai violetti agli azzurri e acquamarina tipici della Provenza
21897138020_ec0957a588_o
21898452779_1459520aed_o-001
Da lui mi sarebbe piaciuto prendere sicuramente questo bellissimo piatto quadrato, o magari qualche vasetto…
22095795031_3d3ba5f265_o
22072865592_fe9ff6e968_o
……come questo a sinistra, da appendere al muro, magari per qualche piantina ricadente….
22085307875_02fa20c767_o

Un'altra artista ceramista che si è unita in un secondo momento agli espositori della mostra è Geneviève Armand-Vernier, una donna deliziosa e molto simpatica che ho avuto il piacere di conoscere in questa occasione!
I suoi lavori sono variegati. Si va dal ciondolo da collana o da foulard, in ceramica e dipinti a mano…..
21460918003_2cd87ca6dd_o
21897029060_d4247df2f9_o
22071764062_674c67f6b3_o
ai cache-pot molto molto particolari, come grandi conchiglie tropicali che inghiottiscono le piante!

22085068225_2b3af52cbe_o

21897125638_24cec674c2_o21462048554_2f6247b7d4_o

Il ceramista francese Yvon Gauchot, de La Poterie de la Plaine, veterano della manifestazione, ha sempre molto successo perché ha un’esposizione ricca di oggetti graziosi e delicati, c'è davvero l’imbarazzo della scelta
22085166375_7cba7bbf67_o




Fra gli espositori francesi, partecipa fin dalla prima edizione lo stand di Sylviane et Patrice Voelkell, con le sue splendide ceramiche fatte con una lavorazione ad alte temperature, in grés smaltato,  ispirate alle stoviglie usate nel Medioevo

21462630704_b0b53d8984_o21462911653_288bab56a0_o

Patrice Voelkelll è anche membro di “Terres de Provence”, l’Unione delle associazioni dei ceramisti di Francia, creato nel 1986, che riunisce artigiani e artisti che lavorano in un centinaio di workshop.
Durante una interessante conferenza che ha tenuto nella giornata di sabato, ha spiegato che “l'associazione si pone due tipi di obiettivi, una in pubblico per la promozione della ceramica e la scoperta del nostro business, l'altra verso ceramisti di solidarietà, di sostegno, la concorrenza e degli scambi.”
Proverò a inserire in un secondo momento il video della conferenza.

Insomma una vera giornata di “Festa”, con laboratori e dimostrazioni in diretta, come “Le ceramiche sonore”, una performance “live”  con percussionisti che suonavano le terracotte,  o il coinvolgimento dei bambini, a cui gli artisti affidano pezzi di creta, per giocare con la fantasia e modellare oggetti che prenderanno forma dalle loro mani.

Per quanto mi riguarda, sono riuscita a fare qualche acquisto, soprattutto piccoli oggetti ricordo da regalare alle amiche che avrei poi incontrato durante il viaggio della settimana successiva, quando sono andata ad Orticolario e non solo!
Ma questa è un'altra storia che presto vi racconterò.....

Arrivederci al prossimo anno! Occhiolino

Firma post

7 commenti

  1. Non avevo idea che la manifestazione fosse così ricca di artisti ! meravigliose creazioni, mi hanno colpito molto le belle pecore delle Ceramiche Ariù e i magnifici piatti di Fabrizio Tranquilli, che sono il genre che preferisco. grazie di questo bellissimo e molto esaustivo articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! :)
      Ti ringrazio davvero! Spero non ti sia annoiata, il post è un po' lungo, ma valeva la pena mostrare il più possibile su questa bellissima manifestazione, che conta già cinque edizioni!
      Spero che il prossimo anno ci siano ancora più espositori, purtroppo quest'anno non è venuto l'artista della Petit Annick, ma ha promesso che tornerà il prossimo anno!
      Le ceramiche sono tutte bellissime, ma sono d'accordo con te, le pecorelle delle sorelle Cristina e Stefania Ariu sono davvero originali e poi c'è il richiamo alla nostra terra natìa.
      Anche a me è piaciuto tantissimo lo stile di Fabrizio Tranquilli, che spero torni anche il prossimo anno....ho un piatto in sospeso con lui! ^^
      Bacioni e grazie per il commento!
      Sono felice quando vedo che il lavoro fatto per assemblare tutto il post piace! :*
      Titty

      Elimina
  2. il y a pour tous les goûts ... une jolie expo.. les assiettes en plate bande sont spectaculaires! biz

    RispondiElimina
  3. Ma qui non si sa più dove girare gli occhi!! Mamma mia quante belle ceramiche! E tu, infaticabile, hai fatto un reportage coi fiocchi!! Solo a vederlo, mi vien voglia di prendere un aereo per la manifestazione del prossimo anno...eheheh...

    RispondiElimina
  4. Salve Tiziana..sono Eugenia di MET CERAMICA,,,,,,,
    .bellissimo il tuo post sul questo mercato..
    Vorrei sapere o ricevere informazione per partecipare il Prossimo anno....se si puo.....e a Cagliari?,,,,
    grazie e sto guardando le foto..grazie per mostrarli...sono bellisisme...
    Ti lascio la mia pagina sul facebook ...

    www.facebook.com/METCERAMICA


    ciao e grazie
    Eugenia

    RispondiElimina
  5. De très très belles céramiques !!!
    Beaucoup de poésie dans celles de Fabrizio Tranquilli !

    RispondiElimina

Back to Top