Ortocolto Autunno 2017 - 2° parte–by tyziana



Ortocolto Autunno 2017 (5)

Avete voglia di tornare ad Ortocolto, almeno virtualmente?
In questa seconda parte ho ancora tanto da raccontarvi su tutto ciò che ho visto a settembre fra gli espositori, i laboratori per bambini, ma anche della mia nuova emozionante esperienza da relatrice durante la manifestazione autunnale, come sempre fra le suggestive mura del Parco di Villa Pallavicino a Busseto.

11

I vivaisti


E’ arrivato il momento di parlare della manifestazione dal punto di vista del giardinaggio.
Nell’edizione autunnale ci sono state molte piacevoli conferme fra i vivaisti, primo fra tutti la certezza della partecipazione di Minari Buxus, con la sua eterea e sempre splendida  esposizione di bossi misti a graminacee ed erbacee perenni, aster ed anemoni

3


2

Quanto amo la luce che si riflette sulle graminacee che ondeggiano sotto il soffiare del vento!

La luce del mattino gioca fra i petali delle rose nell’esposizione del vivaio di Nicola Cavina, rendendole, se possibile, ancora più affascinanti

8


e fra le graminacee e le erbacee dello stand dell’Azienda Agricola Mauro Zanelli, pluripremiato recentemente alla prestigiosa manifestazione "Journèes de plantes" a Domaine de Chantilly  in Francia

6


5

7

Un’altra certezza ad Ortocolto in versione autunnale è quella del Vivaio La Campanella, Anna ed Oreste garantiscono sempre un ampio spazio dedicato a rose e clematis, che gli appassionati avventori possono scegliere per gli impianti invernali in giardino

13



14


L’esposizione di Salso Giardini, un vivaio della zona che si occupa anche di progettazione di giardini, è sempre nelle mie corde, con un gusto interessante e molto romantico nelle combinazioni delle piante.
Una varietà di  anemone giapponese mi ha colpita in modo particolare
15

16
9

Quest’anno proponeva anche delle simpatiche soluzioni con i pallet da riciclo
17
Una delle curiose novità di questa edizione è stata l’esposizione della Serra delle piante carnivore di Edoardo Mengato, in particolare le Sarracenia x moorei dall’aspetto elegante ma inquietante allo stesso tempo!

12

18

Non potevano mancare le Tillandsie, chiamate anche “le figlie del vento”, sempre molto apprezzate e ricercate dal pubblico

20



19


Partecipava per la prima volta quest’anno anche  Maurizio Feletig, del vivaio Rose e Bacche,  con la sua interessante collezione i rose ed arbusti da bacca

21


Le conferenze

Come Vi ho anticipato, l’Associazione Ortocolto  mi ha proposto, oltre al mio ruolo di garden blogger  per i reportage sulla manifestazione,  di tenere una piccola conferenza a tema.
Ne sono stata felice e onorata, per me è un grande passo ed era la mia seconda conferenza in un anno, dopo quella tenuta durante la Festa delle Erbe al Borgo di Rollo!
L’emozione è stata grande, l’argomento di cui ho scelto di parlare è  molto attuale, ovvero quello su “Le piante tenaci” , che ho provato nel mio giardino, quelle che resistono ai lunghi periodi di siccità ed al caldo torrido della mia regione.


Le piante tenaci 1
Potrete vedere alcuni spezzoni del mio intervento nel video qui sotto




Per la conferenza del  pomeriggio domenicale è intervenuta la mia cara amica Camilla Zanarotti con “Io non volevo un giardino!”,  il racconto della tormentata e difficile decisione di progettare un giardino, risultato poi magnifico, come potrete rivedere nel  mio vecchio reportage, nella tenuta de La Torre, luogo da lei scelto insieme al marito per vivere momenti di relax.

I  laboratori

Del laboratorio di composizioni floreali, come vi ho già scritto, ne parlerò prossimamente in un post dedicato, mentre vi vorrei stavolta  parlare del laboratorio dedicato ai più piccini, ovvero quello della costruzione di una marionetta, tenuto  a cura  dell’attore Giorgio Rizzi, dell’Associazione teatrale “C’è un asino che vola”

22

I bimbi si sono divertiti tantissimo  e Giorgio ha dovuto fare gli straordinari, tanta è stata la richiesta di partecipazione ai corsi!


23

Io mi sono portata a casa la piccola streghetta a destra nella foto, regalo di Giorgio che ringrazio ancora tanto, perché alla fine della conferenza mi ha aiutata a scaricare la tensione!  ^^

24

Se  siete interessati ai loro corsi, potrete ritrovare Giorgio  e Roberto Scala di  “C’è un asino che vola”  al prossimo appuntamento del Ma che marché, organizzato dall’Associazione Ortocolto, che si terrà nel prossimo weekend 8 – 9 e 10 dicembre presso la splendida Rocca di Sala Baganza

22519160_681106538752339_4823086062488459660_n


25


Ma che marché, ovvero mostra mercato di artigianato italiano di qualità, dove esporranno tantissimi artigiani e nuove artiste creative home made interessanti!


Ma che marché

Per maggiori informazioni potete visitare la pagina su Facebook del Ma che marché o quella di Ortocolto, dove potrete trovare l’elenco completo degli espositori ed il programma dei laboratori, intrattenimenti e conferenze nei tre giorni.
Non mancate! Winking smile

2 commenti

  1. Bonjour Tiziana .Cette deuxième partie est un sacré travail de votre part félicitations .
    Les pépiniéristes sont nombreux et vos photos pourraient faire des belles scènes au jardin .La qualité est au rendez vous .
    Votre conférence ainsi que celle de Camilla il y à un sous titre ais en italien mais je suis ravie de vous voir très à l'aise et cela vous vas très bien avec vos connaissances .
    Spectaculaire les plantes carnivores .
    Les enfants s'en donnent à cœur joie avec les marionnettes elles sont adorable .Un beau cadeau que la vôtre de votre ami et je me souviens sur vos reportages quand vous y étiez .
    Vos amies et amis italiens qui sont venus à cette fête le reportage leurs feront des beaux souvenirs à revoir .Merci Tiziana et bravo pour votre travail de mise en page .
    Amitié .
    Emmanuelle

    RispondiElimina
  2. Ciao Tiziana!! Grazie per il reportage, l'ho trovato davvero interessante soprattutto la parte dedicata alle piante tenaci..anche io qui l'estate ho problemi di siccità uff..per quanto riguarda il mercatino che si terrà questo week end, beh ci farò un pensierino! Una mia amica che vive a collecchio andrà di sicuro e piacerebbe tanto anche a me :)

    RispondiElimina

Back to Top