Guest post: Il Parco del Valentino a Torino - by Susanna

foto4B
Comincia  oggi la collaborazione al Furighedda Gardening da parte di mia sorella Susanna.
Appassionata viaggiatrice e assetata di cultura , ci regalerà reportage con  immagini dai suoi tanti viaggi  in giro per l’Italia e l’Europa.   Buona visione a tutti!         Firma post
*  *  *  *  *
Il Parco del Valentino a Torino  

La scorsa settimana, in occasione del ponte di Ognissanti, ho trascorso alcuni giorni (ed era la seconda volta in pochi mesi) a Torino, complice la visita a mia figlia che frequenta l’università in questa splendida città.     Nel mese di agosto mi ero recata a Palazzo Madama per vedere la ricostruzione fedele della prima aula del Senato,  realizzata per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia e avevo “scoperto” una cosa meravigliosa: il “Giardino del Castello”, di cui parlerò in un’altra occasione.
In questa visita, favorita da alcune splendide giornate di sole e da una temperatura primaverile, ho dedicato alcune ore alla scoperta del Parco del Valentino, spinta dal desiderio di immergermi nella natura e di cogliere e fotografare con la mia digitale automatica i colori autunnali.
383134_2081567891607_1617366228_1741248_155780133_n
foto1A
Lo scopo principale della visita era quello di visitare, nell’area del Borgo Medioevale, il Giardino del Borgo realizzato dagli stessi architetti del verde che hanno allestito lo spazio a Palazzo Madama.   Purtroppo non ho potuto soddisfare la mia curiosità perché il giardino era chiuso per la manutenzione, ma i motivi di interesse nel parco erano così tanti che non sono rimasta delusa, anzi ho trascorso diverse ore piacevoli immersa nei caldi colori della flora autunnale.
315086_2081568811630_1617366228_1741249_285479561_n
IMG_7646
IMG_7610
Il Parco del Valentino è il parco cittadino più antico e conosciuto; dista poco più di un chilometro dal centro e meno di 10 minuti dall’appartamento di mia figlia. E’ situato lungo la sponda sinistra del Po e occupa una superficie di 500.000 mq, troppi per essere visitati adeguatamente in poche ore.
Mosaico 1
Offre numerose attrattive per chi ama passeggiare o praticare sport anche nuovi, per me che vengo da una città di mare,  come gli skate con le ruote per allenarsi a sciare. E’ stato recentemente risistemato e presenta diverse aree a tema: io ho visitato solo il giardino roccioso, il roseto, il Borgo medioevale, la Fontana dei 12 mesi, il Giardino del III reggimento alpini, la Fontana Butterfly.
foto1B
Il lungo Po e l’area del giardino roccioso sono le più spettacolari: i colori accesi degli aceri rossi, degli olmi, degli ippocastani,
390771_2233657197759_1137780673_32124275_935612652_n
foto2
IMG_7592
IMG_7663
l’imponenza dei taxodium, i ciuffi di graminacee e bambù, le conifere e le diverse varietà di arbusti decidui, offrono degli scorci affascinanti e vagamente orientali.
311048_2082732840730_1617366228_1741729_131297617_n
foto5







Nei vialetti si intravedono giovani mamme con i passeggini, studenti chini sui libri, anziani che conversano, sportivi ovunque in bicicletta o a piedi.
foto1C
Lungo il Po un Poncirus trifoliata, con le sue foglie gialle e verdi e i piccoli frutti vellutati e profumatissimi, stendeva i suoi rami potentemente armati di spine verso il fiume.
foto3
Non è difficile avere incontri ravvicinati con animali per me inusuali come gli scoiattoli grigi o più comuni come i germani reali.
foto 6B
308100_2233658277786_1137780673_32124278_72473742_n
Poi, ogni tanto una sorpresa: le panchine scultura, il fiume artificiale
foto7
foto8C
foto8A
e le rose profumate ancora in fiore a novembre!
foto3B (1)
Un’ultimo sguardo, prima di lasciare il parco, alla “Fontana dei Dodici mesi”, un'ampia vasca ovale con una cascata, circondata da una balaustra ornata da dodici statue

IMG_7667
che simboleggiano i dodici mesi dell’anno e da gruppi scultorei che rappresentano i fiumi che bagnano Torino
313138_2233660237835_1137780673_32124282_1484929459_n
Continua nel prossimo post………
Susanna

15 commenti

  1. quel giardino è uno spettacolo!

    RispondiElimina
  2. Grazie per questo omaggio al piùfamoso parco della mia città
    Mari

    RispondiElimina
  3. Quel parc magnifique !
    Dis, Tiziana, combien de soeurs as-tu ?

    RispondiElimina
  4. Che COLORI!!! che bellissimo parco, magnifica città Torino e l'autunno la esalta e la scalda! Grazie Susanna, bellissimo reportage!Chicca

    RispondiElimina
  5. Ciao Tiziana,ciao Delia e ciao Susanna!
    Bellissimo reportage grazie!!
    Baci monica

    RispondiElimina
  6. Grazie Susanna,non sapevo che ci fosse un parco così bello a Torino :-o :X

    Barbara

    RispondiElimina
  7. Un saluto a tutti gli amici del blog. Vi ringrazio per i bei commenti e vi invito a leggere il prossimo post sul Borgo medioevale del Parco del Valentino. A presto. Susanna

    RispondiElimina
  8. Meraviglioso reportage ! Un giardino tan bello in autunno
    Bravo Susanna !

    RispondiElimina
  9. Bellissimo questo post! detto da una torinese vale ancora di più... aspetto la seconda puntata:))

    RispondiElimina
  10. Ciao Susanna
    sono un po' in ritardo con le letture...parto da qui! Che bello anche tu su Furighedda!!! Ti aspettavamo con curiosità... Tiziana aveva annunciato il tuo arrivo! Bellissimo Parco e Bellissime Foto, ci sono stata più volte sempre di passaggio frettoloso, tanti particolari li avevo persi, grazie al tuo reportage, la prossima volta starò certamente più attenta!
    simonetta

    RispondiElimina
  11. Che bello questo reportage sul Parco del Valentino, che attraverso tutti i giorni per andare a lavorare al Giardino del Borgo Medievale.
    Il giardino roccioso e il roseto sono le parti più ricche e curate del Parco, dono che la grande manifestazione florovivaistica Flor 61 e la minore Flor 92 hanno fatto alla città.
    Un bel modo di intendere, promuovere e valorizzare il verde cittadino...oggi purtroppo un po' lontano. Meno male il giardino roccioso ne resta degno testimone.

    Susanna, mi spiace non averti potuto "aprire" le porte del giardino, ma in questo periodo sono in atto i lavori di manutenzione e allestimento in previsione della riapertura di aprile!!
    Spero potrai tornare in quel periodo e intanto complimenti per il bel reportage!
    Edoardo

    RispondiElimina
  12. Ti ringrazio tantissimo Edoardo.Torino è una città che adoro: ci sono stata finora tre volte in stagioni diverse e offre tante emozioni, colori e stimoli culturali. Scriverò il prossimo intervento nel blog sul Giardino del Castello da profana, in base a ciò che mi ha colpito durante la visita. Per me è stata una scoperta piacevole e approfitterò della presenza di mia figlia in città per tornare in primavera o in estate e visitare finalmente il Giardino del Borgo, di cui ho visto le tue bellissime foto nel blog. Si accettano volentieri commenti e precisazioni nel mio prossimo intervento. A presto. Susanna

    RispondiElimina
  13. Rodolfo Marasciuolo22 gennaio 2012 19:46

    Sono Rodolfo. Sono un giardiniere del servizio Giardini del comune di Torino. Le panchine fotografate nel giardino roccioso sono dei miei lavori realizzati con materiali di recupero.
    Grazie per averli fotografati e pubblicati.

    RispondiElimina
  14. ma dai! XD come hai fatto a trovare il post? complimenti al realizzatore delle panchine! le trovo molto belle anche io nonostante quando feci visita al parco, non le notai :-)

    RispondiElimina

Back to Top