Halloween a Torino – Il Borgo Medioevale - by Susanna


foto10
Proseguendo il reportage sul lungo week end a Torino, oggi vi voglio parlare del Borgo medioevale.
Adagiato sulle sponde del Po è  un vero e proprio museo a cielo aperto realizzato nel 1884 per l’Esposizione Generale Italiana di Torino. All'interno delle mura merlate, oltre il ponte levatoio, gli edifici, le decorazioni e gli arredi riproducono fedelmente edifici piemontesi e valdostani del Quattrocento.

foto10B
foto19A
foto11E
foto11C












In un percorso estremamente suggestivo è stato ricostruito un nucleo abitato medioevale animato da botteghe artigiane, dalla fontana al forno per il pane, dal laboratorio del maniscalco all'Ospizio per accogliere i pellegrini. E’ stata allestita anche una cartiera, ove l'antica pila a magli sfilaccia gli stracci per la carta.
foto12

Tutto appare però molto naturale e il giardino, allestito con piante erbacee e perenni collocate nella rocca con semplici arredi e terrazze di contenimento realizzate con sassi o rami intrecciati, contribuiscono a rendere realistica la ricostruzione.
foto18D
foto18E






foto18G
Quest’anno, per i 150 anni dell’Unità d’Italia, il borgo propone una bella mostra, che ho potuto vedere e fotografare perché è stata per fortuna prorogata fino al 20 novembre, intitolata “Torino. La città che cambia”.
foto13A
foto11I
foto14C (1)
foto14D

E’ una mostra fotografica che offre ai visitatori la possibilità di riflettere sull’evoluzione urbanistica e sociale di Torino e sui suoi abitanti, prendendo spunto dalle immagini esposte per confrontare i cambiamenti avvenuti tra il XIX e il XX secolo, da Torino capitale d’Italia alla città multietnica di oggi.
foto14H
foto14B
foto14I












Le fotografie sono in parte originali ed in parte realizzate in formato e supporti diversi, sono proposte su schermo all’interno di uno degli edifici del borgo o su pannelli collocati lungo la recinzione all’ interno del borgo. Ma le riproduzioni più suggestive sono le gigantografie realizzate in legno multistrato che rappresentano “i nonni” e i loro mestieri, le loro abitudini di vita quotidiana
387869_2081674254266_1617366228_1741295_1139813063_n
390125_2081672934233_1617366228_1741292_74725803_n

Alcune di queste “sculture” sono state collocate nel giardino, dove trovano una ambientazione adatta tra rose e piccoli arbusti perenni.
foto13B
foto18C
foto18A












Ancora una volta Torino offre proposte culturali e suggestioni sempre nuove e stimolanti, mai noiose, tali da renderla una città sempre nuova nelle diverse stagioni sia per i suoi cittadini che per il visitatore occasionale
foto19C
IMG_7365
Per il momento mi fermo qui, ma vi dò appuntamento al prossimo reportage che parla del Giardino del Castello inaugurato quest’anno a Palazzo Madama a Torino, curato dal nostro amico Edoardo, che avete già conosciuto con i suoi post  del Giardino Medioevale qui sul Furighedda gardening. Continua……
Susanna

3 commenti

  1. Hello,
    Thank you very much for your comment about my rose. I hav been locking at 'The Bloomfield Abundance', but I don´t think it will be the same.
    Wish you a pleasant evening!
    Inger

    RispondiElimina
  2. non sarebbe male vedere in bianco e nero le foto con le gigantografie,trovo che si armonizzino benissimo con il contesto in cui son state collocate,solo il colore le tradisce :)
    Grazie Susanna

    Barbara

    RispondiElimina

Back to Top