I dolori del piccolo giardiniere - by Delia

Questo fine settimana scorso sono passata attraverso varie emozioni, quasi tutte negative: paura, dispiacere, rabbia, sconforto, ma anche rassegnazione.
E' bastata una bufera di vento, insieme ad una pioggia insistente, e la mattina di sabato ci siamo svegliati e abbiamo contato i morti....due alberi di mimosa spezzati a metà altezza, un lentisco alto almeno tre metri completamente orizzontale, ed una mini pergola che ha ceduto.
Sia le mimose che il lentisco avrebbero, di lì a poco, subìto una drastica potatura, perchè, diciamoci la verità, le mimose che prima amavo moltissimo, sporcano tantissimo in tutte le loro fasi stagionali, ed il lentisco era troppo alto, e andava abbassato. Di mimose me ne sono rimaste ben poche, sono tutte finite male sempre a causa del maltempo; sono alberi con radici troppo superficiali, che le rende poco stabili.
La natura quindi ha scelto per noi: e noi per due giorni abbiamo dovuto usare motosega, accetta, cesoie e biotrituratore per ripristinare il giardino e ridargli un aspetto ordinato e pulito.
Ora mi guardo intorno....ci sono delle visuali, prima così familiari, che sono cambiate, ci dovrò fare l'abitudine.
In genere io sono contraria alle potature, mi piace lasciare che la natura segua il suo andamento, ma ora capisco quanto sia importante, per la gestione di un piccolo giardino, la pulizia costante degli alberi e degli arbusti. Posso solo dire che per fortuna il tutto è successo la notte, poteva essere veramente pericoloso per me e per la mia famiglia se fosse capitato di giorno.
Il lentisco completamente sdraiato

Qui si vede bene, ha ostruito completamente la stradina

Le due mimose spezzate....questa è zona di pranzi....brrrr!

Siamo in fase di eliminazione e di pulizia

Lavoro quasi terminato...

Guardando questa immagine, dopo aver fatto a pezzi il grosso lentisco, mi rendo conto
 di quanto spazio occupasse sia fisicamente che visivamente...
.forse adesso la vista è migliore 

Poverini....non abbiamo trovato uova, spero fosse già disabitato

Ecco un'altra prospettiva senza il mio lentisco...

....però ci vedo un lato buono: ora cosa metto in tutto questo spazio vuoto?

Potatura da cani.....l'ho sempre detto di non voler e saper potare!!!

4 commenti

  1. Orrori!
    Mi dispiace molto ...

    RispondiElimina
  2. Cara Delia, partecipo con affetto sapendo bene di che si tratta , è capitato qualcosa del genere diverse volte anche a me . Pazienza, coraggio e forza fisica , la ricetta per rimediare .

    RispondiElimina
  3. Oooh wat erg, ik weet het, ik heb het ook eens meegemaakt in juni 2006 denk ik, 4 bomen er uit, alles platgeslagen tegen de grond, vreselijk was dat.
    Maar... je hebt weer wat ruimte nu, dat is een pluspunt...

    RispondiElimina
  4. vediamola sul positivo: il lentisco era alto e imponente e ha lasciato un grande buco ma ora puoi modificare un po quella parte di giardino a tuo piacimento... un viburno, delle piante più basse... insomma hai un nuovo progetto da realizzare... complimenti per il lavoraccio duro!

    RispondiElimina

Back to Top